“Mamme libere dal fumo”: formazione per gli operatori

Formare le ostetriche al counselling antitabagico e presentare i dati 2012 sul monitoraggio del progetto: sono i due obiettivi del convegno “Mamme libere dal fumo”, in programma il 17 aprile 2013 a Venezia. L’evento si inserisce nella cornice della formazione, rivolta agli operatori sanitari della Regione Veneto, sul tema dei danni provocati dal fumo di tabacco e sul counselling ostetrico antitabagico. La Regione è infatti impegnata da anni nell’implementazione del progetto “Mamme libere dal fumo”, promosso dal Centro controllo malattie del ministero della Salute, in collaborazione con la Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt) e la Federazione nazionale collegi ostetriche (Fnco).


Il progetto “Mamme libere dal fumo” è volto anzitutto a formare le ostetriche al counselling antitabagico in quanto figure chiave, sia dal punto di vista clinico che sotto il profilo psicologico, per ogni donna che si prepari a diventare mamma.

Il convegno è anche occasione per presentare i dati sul monitoraggio per l’anno 2012, che evidenziano in tutte le Ulss aderenti al progetto l’applicazione del protocollo di counselling antitabagico previsto soprattutto durante i corsi di preparazione al parto, ma anche durante il ricovero ospedaliero e gli accessi agli ambulatori.

Per maggiori informazioni visita il sito del progetto “Mamme libere dal fumo”, consulta la brochure (pdf 1,4 Mb) con la relativa scheda di iscrizione.  

Il contrasto al fumo in gravidanza e davanti al bambino è una delle 8 azioni del progetto GenitoriPiù. Vai alla pagina dedicata.

Tags: 

Data: 

Giovedì, 28 Marzo, 2013
Ultimo aggiornamento: 17/10/2013