Aprile: mese della prevenzione alcologica

Si sta concludendo il mese di Aprile, dedicato alla prevenzione alcologica.

Per GenitoriPiù l’astensione dall’alcol è sempre importante, specialmente durante gravidanza ed allattamento: l’alcol infatti, passando direttamente dalla mamma al feto e al bambino, può danneggiarne lo sviluppo fino a gravi alterazioni di tessuti ed organi. Tra questi vi è il Disturbo dello Spettro Fetale Alcolico, che comprende una serie di alterazioni fisiche, cognitive e comportamentali, sia a breve che a lungo termine, le quali si manifestano nei nati le cui madri hanno consumato bevande alcoliche durante la gravidanza. Oltre a questo il consumo di alcol in gravidanza, aumenta significativamente il rischio di:

  • aborti spontanei
  • parti pre-termine
  • basso peso alla nascita
  • morte perinatale
  • morte improvvisa del neonato (SIDS)

Il consumo di alcol inoltre aumenta il rischio di infertilità, ed ha effetti negativi anche durante l’allattamento, producendo un’azione tossica.

ragazze alcol

È bene precisare che non esiste una quantità sicura di alcol. Gli effetti dannosi dell’alcol in gravidanza o durante l’allattamento sulla salute del bambino sono totalmente evitabili solo con l’astensione dall’alcol, fin da quando si comincia a cercare un figlio.

I dati elaborati dall’Osservatorio Nazionale Alcol (ONA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) tratteggiano un quadro complesso. Questi dati sono stati acquisiti e trasmessi dal Ministro della Salute nella Relazione annuale al Parlamento e presentati in occasione dell’Alcohol Prevention Day 2018. Circa 35 milioni di italiani sopra gli 11 anni di età consumano bevande alcoliche, 15 milioni dei quali sono donne. L’esposizione all’alcol è causa di circa 41 mila accessi nei Pronto soccorso e di 57 mila ricoveri ospedalieri. Tuttavia gli italiani hanno opinioni e atteggiamenti favorevoli nei confronti delle politiche di controllo del consumo di alcol.

Da ricordare infine che interventi di informazione e comunicazione, rivolti all’intera popolazione, dovrebbero essere sempre affiancati da una specifica formazione per gli operatori sanitari, motivo per cui nella FaD GenitoriPiù questa tematica è stata trattata ed aggiornata con le più recenti fonti scientifiche e bibliografiche.

Vai alla sezione del sito dedicata all’astensione dalle bevande alcoliche per saperne di più e consulta i materiali dell’Osservatorio nazionale alcol aggiornati al 2018:

 

Tags: 

Data: 

Venerdì, 26 Aprile, 2019
Ultimo aggiornamento: 26/04/2019