Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Si è celebrata il 20 novembre la Giornata Universale dei diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza.

Ogni anno milioni di bambini sono vittime di violenze perpetrate nelle case, nelle scuole, nelle comunità e nei conflitti armati. Tali violenze possono essere di diversa natura (abusi fisici, sessuali, reclutamento nelle forze armate e pratiche tradizionali dannose come le mutilazioni genitali) e condizionare fortemente lo sviluppo psicofisico del bambino.
Fonte: http://www.onuitalia.it/20-novembre-giornata-universale-del-bambino/

L’istituzione di una giornata che mettesse sotto i riflettori la condizione dei bambini e la difesa dei loro diritti era stata raccomandata a tutti i Paesi dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la Risoluzione 836 (IX) del 14 dicembre 1954. La data prescelta è stata il 20 novembre: il 20 novembre 1959 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha infatti adottato la Dichiarazione dei diritti del fanciullo, e nello stesso giorno 29 anni dopo, è stata ratificata la Convenzione sui diritti dell’Infanzia.

Riportiamo una parte della dichiarazione rilasciata dalla Commissione Europea in occasione di questa importante giornata:

"Oggi siamo uniti e determinati a proteggere e promuovere i diritti di tutti i bambini ovunque nel mondo. Diritti che sono universali, indivisibili e inalienabili. Ogni bambino ha diritto a crescere in un ambiente sicuro e stimolante, privo di qualsiasi forma di violenza, abuso, molestia o negligenza. È nostro compito collettivo fare tutto il possibile per assicurare che questi diritti siano rispettati e garantiti ovunque e a tutti i bambini. Vogliamo garantire l'accesso dei bambini a opportunità di apprendimento sicure, inclusive e di elevata qualità. L'UE investe per assicurare che i bambini ricevano un'alimentazione, una sanità e un'istruzione adeguate fin dalla prima infanzia e per lottare contro il lavoro minorile. […] Sono i bambini a pagare il prezzo più alto dei conflitti armati, della povertà, delle catastrofi naturali e provocate dall’uomo e delle migrazioni forzate. L’Unione europea è in prima linea nell'offrire sostegno ai bambini, soprattutto i più vulnerabili e quelli colpiti dalle crisi, sia all’interno che all’esterno dei propri confini. [...] Siamo convinti che investire nei bambini nel loro percorso fino all’età adulta sia innanzitutto un dovere morale nei loro confronti, ma anche un contributo essenziale per garantire un futuro migliore a tutti noi. In questa giornata riaffermiamo dunque il nostro impegno a raddoppiare i nostri sforzi e facciamo appello a tutti i partner su scala mondiale per contribuire a far sì che in futuro nessun bambino sia lasciato indietro".

Di seguito il nuovo video "Go Blue", lanciato dall’UNICEF per celebrare questa giornata, con la collaborazione di star internazionali.

 

GenitoriPiù ha da sempre a cuore i diritti dei bambini, occupandosi della loro salute fin da prima del concepimento con particolare attenzione alle famiglie più fragili.

Tags: 

Data: 

Giovedì, 22 Novembre, 2018
Ultimo aggiornamento: Giovedì, 22 Novembre, 2018 - 12:35