Estate sicura: come vincere il caldo in gravidanza

In estate il caldo può rappresentare un rischio per la donna in gravidanza. Se aspetti un bambino è importante sapere quali precauzioni puoi adottare per difendere la tua salute e quella del tuo bambino.

In gravidanza, il corpo della donna va incontro ad una serie di cambiamenti fisiologici: l’aumento del volume del sangue materno per un adeguato flusso sanguigno alla placenta, richiede una sufficiente idratazione. Il caldo può essere causa di disidratazione, con la perdita, attraverso la sudorazione, di liquidi e sali minerali, preziosi per l’equilibrio materno-fetale.

Il Ministero della Salute ha pubblicato l’opuscolo: Estate sicura: come vincere il caldo in gravidanza, consultabile al link del Ministero.

Nelle linee guida vengono chiaramente spiegati i sintomi ed i segni di una disidratazione e vengono date indicazioni su come intervenire, li riportiamo in breve:

Quali sono i sintomi della disidratazione?

• sete intensa
• crampi muscolari, soprattutto di notte
• debolezza
• vertigini
• palpitazioni
• ansia
• pelle e mucose asciutte
• abbassamento della pressione arteriosa

Cosa fare?
• Reintegra i liquidi persi bevendo acqua in  abbondanza o altre bevande, (mi raccomando, senza alcol!)
• Se i tuoi sintomi non migliorano, contatta il tuo  ginecologo di fiducia.

Ti ricordiamo inoltre che una corretta idratazione è molto importante anche se stai allattando il tuo bambino: in questa fase infatti il tuo organismo ha bisogno di un maggior apporto di liquidi. Ricordati di tenere sempre un po' d’acqua a portata di mano al momento della poppata per poter reintegrare subito il liquido necessario e placare il tuo senso di sete. Ti consigliamo di consultare anche la nostra pagina sull’allattamento al seno

Per saperne di più

Leggi l’opuscolo completo

Per essere informata sul rischio associato alle ondate di calore consulta il sito del Ministero della Salute

 

Tags: 

Data: 

Giovedì, 28 Luglio, 2016