Il report di Oms Europa sulle popolazioni migranti: l’accessibilità e la qualità dei servizi per la salute materna


 

In linea con la crescente sensibilità ed impegno di GenitoriPiù in tema di equità della salute materno infantile, vogliamo segnalare la recente pubblicazione del Report OMS Europa “What is the evidence on the reduction of inequalities in accessibility and quality of maternal health care delivery for migrants? A review of the existing evidence in the WHO European Region”.  

Il report rileva che il numero di donne migranti in età fertile presenti nei Paesi appartenenti alla Regione europea dell’Oms è in rapido aumento. In tutta la Regione, gli esiti di salute materna della maggior parte delle donne migranti sono peggiori rispetto a quelli delle altre donne. I fattori di rischio identificati non sono legati solo alla gravidanza, al parto e al periodo post-partum, ma anche ad eventi del periodo pre-concepimento.

Questa situazione aumenta l’esigenza di servizi dedicati alla salute materna accessibili a queste popolazioni e culturalmente appropriati. Il documento che costituisce una mirata revisione sistematica della letteratura, fornisce una sintesi critica e interpretativa delle esistenti politiche sanitarie per valutare gli interventi e le strategie in grado di migliorare l’accessibilità e la qualità di servizi dedicati alla salute materna per le donne migranti.

Barriere formali quali i limiti nel diritto di usufruire dei servizi sanitari e ostacoli informali legati alla familiarità, conoscenza, accettabilità, disponibilità e costo dei servizi stessi, ne minacciano l’accesso. L’Oms raccomanda quindi di assicurare l’accesso universale alle cure e di fornire servizi culturalmente competenti per favorire l’accesso ai servizi dedicati alla salute materna, la loro qualità per quindi migliorare la salute materna delle donne migranti (Da Epicentro).

 

Tags: 

Data: 

Martedì, 18 Ottobre, 2016
Ultimo aggiornamento: 19/12/2016