La salute riproduttiva delle donne immigrate e dei bambini

Il 12 marzo 2019 alle ore 17.00, presso l’Aula Magna De Sandre della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Verona (Piazzale L. Scuro, 10), si terrà l’evento dal titolo “La salute riproduttiva delle donne immigrate e dei bambini. Un’indagine socioterritoriale per una proposta progettuale”. Si tratta di un evento inserito nel programma della manifestazione “OTTOMARZO. Femminile, plurale.” promosso dall’Assessorato Pari Opportunità.

locandina salute riproduttiva donne immigrate

Verrà presentato il rapporto di ricerca che costituisce l’analisi dei bisogni delle donne immigrate, con o senza figli, relativamente alla salute riproduttiva e dei servizi che si occupano di tale dimensione della salute femminile nel contesto socio-territoriale Comune di Verona.

Tale analisi ha avuto ed ha la finalità di poter meglio calibrare la realizzazione di un “servizio innovativo sulla salute riproduttiva della donna immigrata e dei bambini”, affidato, dall’ente strumentale della Regione Veneto, “Veneto Lavoro”, all’Associazione Le Fate Onlus.

GenitoriPiù da sempre pone attenzione ai bisogni delle donne e dei bambini immigrati, in un’ottica più ampia di contrasto alle disuguaglianze in salute e a favore di una equa distribuzione delle risorse e di opportunità di accesso ai servizi ed alle informazioni. Da diverse ricerche, è emerso come le otto azioni GenitoriPiù siano più o meno diffuse tra famiglie che si differenziano per etnia, status socio-economico, livello di istruzione, propensione alla lettura, e come talvolta situazioni di apparente fragilità possono rivelare invece la presenza di un fattore protettivo.

La raccolta dati del Programma GenitoriPiù ha dato inoltre il via, nel 2014, alla fase sperimentale per la costruzione di una vera e propria Sorveglianza attraverso il progetto nazionale CCM “Sistema di Sorveglianza sugli otto determinanti di salute del  bambino, dal concepimento ai 2 anni di vita, inclusi nel programma GenitoriPiù”, che attualmente prosegue con il “Sistema di sorveglianza sui determinanti di salute nella prima infanzia”, inserito nel DPCM 3 marzo 2017, che ha permesso e sta permettendo di raccogliere altri dati anche relativi alla salute delle donne immigrate.

Tags: 

Data: 

Martedì, 26 Febbraio, 2019
Ultimo aggiornamento: 26/02/2019