Prevenire il rischio di soffocamento

 
Il Ministero della Salute ha pubblicato in questi giorni un dossier che fornisce chiare indicazioni ai genitori e a chi si occupa di bambini, su quali comportamenti adottare per prevenire il soffocamento nei bambini. 
 
In questa nuova area del sito ministeriale viene stilato un elenco dei 10 alimenti più pericolosi ed esposte alcune semplici regole per prevenire l’ostruzione delle vie aeree e per rendere più sicura la casa del bambino come quella dei nonni, assieme ad una breve guida sulle manovre di disostruzione sia nei lattanti che nei bambini con più di 1 anno di età.
 
Il rischio di soffocamento nei bambini infatti è un problema da non sottovalutare!
 
Ogni anno si segnalano nel nostro Paese circa 300 casi di ostruzione da corpo estraneo nei bambini al di sotto dei 14 anni. 
 
Fra i bambini da zero a quattro anni il soffocamento è la seconda causa di morte dopo gli incidenti stradali: ogni anno muoiono circa 50 bimbi per un boccone andato di traverso, quasi un bambino a settimana.
 
Secondo i dati ufficiali dell’ISTAT infatti, il 27% delle morti classificate come “accidentali” nei bambini da 0 a 4 anni avviene per soffocamento causato da inalazione di cibo (fonte: dati ISTAT 2014). 
 
Bisogna ricordare che c'è soprattutto il cibo all'origine delle ostruzioni letali. 
 
Caramelle tonde, pezzetti di carne, uva e noci.
Wurstel e prosciutto crudo, ma anche monete e palloncini sgonfi.
Sono cibi e oggetti apparentemente innocui che possono diventare pericolosi, soprattutto per i bambini più piccoli. 
 
Pochi genitori sanno come comportarsi in situazioni di emergenza. 
 
E’ importante quindi che mamme, papà, nonni e tutti coloro che quotidianamente sono a contatto con i bambini, conoscano i pericoli e imparino le manovre di disostruzione pediatriche: semplici manovre che possono fare la differenza nella tutela di una vita!
 
                           
 
Per leggere il dossier clicca qui
 
Per saperne di più visita anche la pagina del sito
 

 

Tags: 

Data: 

Lunedì, 15 Giugno, 2015