Newsletter 29 luglio 2016 - Genitori più preparati ad accogliere e accompagnare i propri figli fin dal concepimento

Se non visualizzi correttamente la newsletter consultala sul sito.

La prevenzione inizia prima della nascita e prosegue nei primi anni di vita. Con queste premesse, siamo letteralmente bombardati dai media e non solo, da una quantità abnorme di informazioni e messaggi promozionali sulla salute di mamma e bambino, sui prodotti commerciali e sulle indicazioni e i consigli più o meno basati su evidenze scientifiche.

In mezzo a tutto questo può arrivare il disorientamento di noi Genitori, soprattutto se alle prime armi, che non abbiamo accumulato esperienze pregresse e quindi basiamo tutto il nostro agire su fonti terze, consigli ed indicazioni prese un po’ qua un po’ là.

Ecco perché ci teniamo a sottolineare che le azioni veramente vitali per una prevenzione efficace, una crescita sana del nostro bambino e la tranquillità di noi genitori, non hanno bisogno di troppi apporti o prodotti creati artificialmente, ma sono azioni legate a buone pratiche, naturali ed istintivamente facili da attuare, “a costo zero” e che trovano poi conferma nelle evidenze scientifiche.

Per prendere un esempio, una delle azioni di salute a cui viene dato un peso crescente è la promozione della corretta alimentazione fin dalla gravidanza. Molto spesso le madri in attesa e le famiglie sanno come si potrebbe mangiare meglio, ma la sfida è tradurre le informazioni corrette nella pianificazione dei pasti. Per sensibilizzare sull’argomento, l’OMS ha recentemente pubblicato Good Maternal Nutrition the best start in life, con cui richiama l’attenzione sui primi 1000 giorni, cioè sulla necessità di migliorare la nutrizione materna fin dal concepimento e quella del primo periodo di vita del bambino, per diminuire il rischio - a lungo termine - di malattie croniche e obesità. Il documento presenta le recenti evidenze scientifiche su questo argomento e i risultati di un’indagine sulla presenza in ogni paese aderente, di raccomandazioni concernenti la nutrizione e l’attività fisica dal periodo peri-concezionale alla prima infanzia.

 

In gravidanza infatti, la cura di sé è un obiettivo fondamentale per la salute ed il corretto sviluppo del bambino. Sarebbe auspicabile che a tutti fossero garantite le informazioni necessarie per essere preparati a sostenere i futuri genitori in questo percorso, porre in atto gli interventi adeguati nel modo più efficace possibile nella vita quotidiana ma anche in casi di emergenza. Tra gli strumenti che vengono messi a disposizione di tutti, segnaliamo l’opuscolo del Ministero della Salute: Estate sicura: come vincere il caldo in gravidanza.

La promozione della salute materno-infantile riguarda tutti, sia i professionisti che mamma, papà e chiunque si occupi di bambini. Tutti possiamo informarci su come portare avanti le azioni per una prevenzione corretta ed adottare i comportamenti migliori nelle diverse situazioni. Anche nella stagione calda ad esempio vi sono comportamenti da adottare per evitare loro colpi di calore o incidenti anche fatali.

Una serie di indicazioni utili al riguardo le possiamo trovare consultando ad esempio la pubblicazione online: ‘A scuola di salute', il magazine che in occasione dell’estate, mette a disposizione delle famiglie uno strumento utile per affrontare il periodo più caldo dell'anno, dalla scelta del luogo di villeggiatura a quella dei farmaci.

 

A tutti i Genitori, vengono offerte sempre più possibilità per tenersi informati ed apprendere: è il caso di “Tutto sui vaccini, in parole semplici”, la nuova piattaforma di apprendimento online creata dalla Regione Veneto, per parlare alla mente e al cuore di tutti i genitori, che fa leva sulla buona informazione, sulla consapevolezza e sul senso di responsabilità anche attraverso giochi di simulazione serious games.

E’ chiaro che Genitori non si nasce, ma Genitori si cresce e si diventa. La notizia positiva è che sta crescendo la volontà di creare occasioni di supporto per i Genitori e le famiglie, sia per la promozione della fertilità, che, dove necessario, in termini di procreazione assistita; si rafforzano i sistemi per sostenere tutte quelle coppie che desiderano diventare genitori ma non sempre il loro sogno si rivela semplice da realizzare.

Per dare una panoramica completa di qual è la situazione in Italia, quest'anno il Registro Nazionale della Procreazione Medicalmente Assistita (Pma) dell’Istituto Superiore di Sanità, (ISS) che compie 10 anni di raccolta dati, ha reso noto che dopo un decennio si conferma la validità del sistema di sorveglianza nazionale istituito presso il Centro nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (Cnesps) dell’Iss che mantiene negli anni il 100% di copertura su tutti i Centri e su tutti i cicli di trattamento di Pma eseguiti nel nostro Paese.